Ecco la Donna, che dal Regno Franco

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Domenico Ottavio Petrosellini

E Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Ecco la Donna, che dal Regno Franco Intestazione 16 giugno 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri


[p. 341 modifica]

DOMENICO PETROSELLINI.1


Ecco la Donna, che dal Regno Franco
     Scende per l’Alpi al bel Panaro in riva,
     Che cinto della verde alga nativa
     Per gioia dalle spume alza il crin bianco.
5Vien, e seco conduce al lato manco
     La smarrita gran’tempo e fuggitiva
     Pace, che mal reggendo in man l’uliva
     Si stringe timidetta al regio fianco.
Lo strazio il sangue e l’aperte ferute.
     10Storia2 le mostra, e il lamentar rinnova
     Ancor non sazia di chiamar salute.
Ahi per l’amato Sposo, e per la nova
     Vicina Prole, e per la tua virtute
     Volgile un guardò, che a pietà ti mova!

Note

  1. Per le nozze di Francesco III. Duca di Modena, e Carlotta Aglae d’Orleans.
  2. Rammentasi il famoso Rinaldo Estense, che seguì Golfredo nell’impresa di Terra-Santa.