Edipo Coloneo (Sofocle - Giusti)/Atto quarto/Scena V

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto quarto, scena V

../Scena IV ../Scena VI IncludiIntestazione 14 giugno 2016 75% Teatro

Sofocle - Edipo Coloneo (406 a.C.)
Traduzione dal greco di Giovanni Battista Giusti (1819)
Atto quarto, scena V
Atto quarto - Scena IV Atto quarto - Scena VI
[p. 130 modifica]

SCENA V.

i detti senza POLINICE.

GullBraceDown.svg


coro.

Nuove sempre e terribili sciagure
Avverranno, se questo antico cieco
L’estremo fato non incontra. Vani
Dir non poss’io gli oracoli de’ Numi.
Ciò vede il tempo, che di giorno in giorno
Cambiar suole gli eventi. — Ahimè! che fia?
Il cielo tuona.
edipo.
 O figlie, o figlie, alcuno
Deh! richiami quì tosto il buon Teseo.
antigone.
Perchè, padre, perchè?

[p. 131 modifica]

edipo.
 Cotesto alato
Fulmin di Giove il mio vicin predice
Tragitto nell’Averno. Alcun deh! corra
Ad avvisarlo.
coro.
 Un’altra volta il tuono
Più tremendo rimbomba. Sulla fronte
Sollevansi le chiome, il core in petto
Agghiaccia. Ohimè! la folgore celeste
Arde di nuovo. Che sarà? Io tremo.
Senza grande c?agion nè indarno mai
Quest’orrendo fragor si ode nel cielo.
Oh Giuno! Oh Giove!
edipo.
 O care fig1ie è giunto
L’ultimo istante di mia vita, e scampo
Più non à.
coro.
 Come lo conosci, e donde?

[p. 132 modifica]

edipo.
Lo conosco. . . Ma deh! ratto quì fate
Il Re vostro venir.
coro.
 Taci; ricresce
D’ogni parte il tonar... Numi! se questo
Portento viene alla materna terra,
Siate propizj; nè di questo cieco
La presenza mi sia cagion di grave
Danno. O Re Giove, a te supplice io porgo
I voti miei!
edipo.
 E ancor Teseo non viene?
E vivo e sano della mente, o figlie,
Troverammi egli poi?
coro.
 E quale arcano
Disvelar gli vuoi tu?
edipo.
 Retribuirgli

[p. 133 modifica]

Piena mercè di sua possente aita,
Come promisi.
coro.
 Vieni, o d’Egèo figlio,
T’affretta ancor che tu sul lido innalzi
Pe’ sacrificj un’ara al Dio marino
Nettuno: che quest’ospite gli amici
E la cittade e te meritar vuole
De’ ricevuti beneficj. Vieni.