Era tranquillo il Mare, e 'l Ciel sereno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Niccolò Forteguerri

E Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Era tranquillo il Mare, e ‘l Ciel sereno Intestazione 25 febbraio 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Niccolò Forteguerri


[p. 185 modifica]

V


Era tranquillo il Mare, e ’l Ciel sereno
     E un’aura dolce respirava intorno,
     Onde sciolsi la nave in sì bel giorno,
     Di fortunati auguri il cor ripieno,
5Ma scostatasi alquanto, venne meno
     Del Mar la pace, e il Ciel di luce, adorno
     D’oscure nubi si vestì d’attorno,
     Ed Eolo sciolse a tutti i venti il freno.
E già più giorni son, che la meschina
     10Nave sbattuta và senza conforto
     A dar in scogli ad affondar vicina.
E pur sebbene io sto sì afflitto, e smorto,
     Se si placasse la crudel Marina
     Non volgerei le vele inverso il Porto.