Faust/Parte prima/Una via

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Una via

../La cucina di una strega ../Sera IncludiIntestazione 6 luglio 2023 75% Da definire

Parte prima - La cucina di una strega Parte prima - Sera

[p. 124 modifica]


UNA VIA.


FAUSTO, MARGHERITA passando.

Fausto. Posso, quella bella signorina, darvi il braccio, e accompagnarvi?

Margherita. Io non sono nè bella nè signorina, e so andare a casa da me. (Si scioglie da esso e vassene.)

Fausto. In fè del cielo, l’è una bella fanciulla colei! Non ne ho mai veduto una simile. Ell’ė sì modesta, sì ritrosa ed ha nel tempo medesimo non so che di saporito. Con quella sua boccuccia di rose, quelle sue lucide goluzze, — oh, io non me la scorderò in tutta la vita! E quel suo gittar gli occhi a terra mi si è profondamente fitto nel cuore. E come le è montata subito la collera! su proprio una delizia. (Mefistofele entra.)

Fausto. Odi, tu mi devi procurare quella fanciulla.

Mefistofele. Che fanciulla? [p. 125 modifica]

Fausto. Ella se ne va per là ora ora.

Mefistofele. Quella? Ella si è spiccata testè dal suo pretonzolo, che l’ha assolta da ogni peccato. Io m’era appiattato presso all’inginocchiatoio, e vi so dire ch’ell’è una povera innocente che va a confessarsi di un nonnulla. Non ho alcun potere su di essa.

Fausto. Ell’ha passato quattordici anni.

Mefistofele. Tu parli proprio come Gianni Scapigliato, il quale pensa che il suolo non germogli fiori che per le sue nari; e non vi abbia onore nè favore ch’ei non debba piluccarselo. Ma non si può sempre ciò che si vuole.

Fausto. Orsú, messer Mett’impacci, non mi stia in sulle pedagogherie! — Sai tu quel ch’io ti concludo? Se non mi poni questa sera con la giovane a mezza notte, io ti rompo il patto.

Mefistofele. Pensate un poco s’egli è fattibile. Mi bisognano almeno quindici di sol per ispiare l’occasione.

Fausto. S’io avessi solo sett’ore a mia posta, io ne disgraderei il diavolo per ridurre al mio piacere simil creaturella.

Mefistofele. Oramai voi parlate quasi come un Francese. Ma via fate buon animo. E che rileva voler godere così di subito? Il godimento non è mai sì bello e soave, come quando tu sii stato lungamente in faccenda, raffazzonando la tua bambola, e rimutandole mille maniere di gale, come si legge in molte novelle italiane.

Fausto. Ho buon appetito senza queste salse.

Mefistofele. Or lasciando il burlare, io vi dico [p. 126 modifica]che non si può così in fretta e in furia venire al possesso di quell’amabil figliuola. In questa pratica non è alcun guadagno coll’impeto, e ci bisogna usare scaltrezza.

Fausto. Deh, almeno procurami qualche cosa di quell’angioletta. Ponimi nella sua camera; trovami un fazzoletto che sia stato sul suo seno; una sua legaccia; qualcosa insomma che conforti il mio ardore.

Mefistofele. Perchè veggiate che il vostro affanno mi tocca nell’animo e che ho buon desiderio di sollevarvene, noi non daremo alcun indugio; e vi metterò pur oggi in camera sua.

Fausto. E vedrolla? avrolla?

Mefistofele. No, in vero! Ella sarà da una sua vicina; e tu intanto solo soletto, spirando l’aura piena della sua presenza, assaporerai a tuo bell’agio il pensiero delle tue future delizie.

Fausto. Possiam noi andare?

Mefistofele. È ancora per tempo.

Fausto. Provvedi qualche regalo per essa. (Parte.)

Mefistofele. Siam già in sui regali? Ottimamente! egli riuscirà senza fallo. Io conosco parecchi bei ripostigli, e molti tesori sepolti da antico, ed or viene in acconcio ch’io dia loro un’occhiata. (Parte.)