Favole (Fedro)/Libro quarto/III - Il Cavallo, e il Cignale

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro quarto: III - Il Cavallo, e il Cignale

../ II - La Volpe, e l'Uva ../ IV - Il Poeta IncludiIntestazione 20 giugno 2011 75% Favole

Fedro - Favole (I secolo)
Traduzione dal latino di Giovanni Grisostomo Trombelli (1797)
Libro quarto: III - Il Cavallo, e il Cignale
Libro quarto - II - La Volpe, e l'Uva Libro quarto - IV - Il Poeta
[p. 213 modifica]

FAVOLA III.

Il Cavallo, e il Cignale.


IN quel guado in cui ber solea un Cavallo,
     Mentre il Cignal s'avvolge, il turba e mesce.
     Quindi vien lite: il Destrier d'ira acceso,
     A l'Uom ricorre, e lui del suo soccorso
     5Chiesto, sul dorso il toglie, e al Cignal riede,
     Cui trafigge con dardi il Cavaliere.
     Indi al Destrier rivolto: aita indarno
     Non ti donai, gli dice, e preda io n'ebbi,
     E appresi quanto tu giovar mi possa;
     10E suo malgrado il freno vuol, ch'ei soffra.
     Egli allor mesto: o qual pazzia mi prese!
     Mi fei per leggier onta ad altrui servo.
          * Impari quinci l'iracondo i torti
     Anzi a soffrir, che darsi ad altri in mano.