Favole (Fedro)/Libro quarto/XX - Fedro

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro quarto: XX - Fedro

../XIX - La Volpe e il Drago ../XXI - Il Naufragio di Simonide IncludiIntestazione 11 giugno 2011 75% Favole

Fedro - Favole (I secolo)
Traduzione dal latino di Giovanni Grisostomo Trombelli (1797)
Libro quarto: XX - Fedro
Libro quarto - XIX - La Volpe e il Drago Libro quarto - XXI - Il Naufragio di Simonide
[p. 228 modifica]

FAVOLA XX.

Fedro.


QUel che livor fra se raggira appresi;
     E se occultar lo brama, in van s’adopra,
     Ciò ne’ miei libri, che di fama è degno,
     È d’Esopo. Se cosa egli abbia a vile,
     5Vorrà che ad ogni patto a me s’ascriva.
     Ma in tal guisa m’oppongo: o fia di biasmo:
     O pur di lode degno il mio lavoro;
     Esopo mi fu duce, il resto è mio.
     Ma si prosegua ciò che a dire impresi.