Favole (Fedro)/Libro quarto/XIX - La Volpe e il Drago

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro quarto: XIX - La Volpe e il Drago

../XVIII - L'Uomo e il Serpe ../XX - Fedro IncludiIntestazione 18 luglio 2011 75% Favole

Fedro - Favole (I secolo)
Traduzione dal latino di Giovanni Grisostomo Trombelli (1797)
Libro quarto: XIX - La Volpe e il Drago
Libro quarto - XVIII - L'Uomo e il Serpe Libro quarto - XX - Fedro
[p. 226 modifica]

FAVOLA XIX.

La Volpe e il Drago.


TErra scavava per formar sua tana
     La Volpe, e fatte alquante buche avea;
     Allor che giunse ove tesori un Drago

[p. 227 modifica]

     Appiattati guardava. Il vide appena,
     5Che, di grazia, gli dice, se cotanto
     Incauta m’inoltrai, tu mel condona;
     Indi, chiaro poichè tu scorgi, o Drago,
     Nulla confarsi l’oro al viver mio,
     Dimmi cortese, quale o premio, o frutto
     10Ciò ti reca, sicchè tu sempre vegli
     In tenebre? Nessuno, egli rispondi;
     Ma Giove me l’impose. Adunque nulla
     Ne prendi, o doni? E’ tale il mio destino.
     Se audace parlo, mel condona: irato
     15Cielo chi a te è simile, a vita trasse.
          * Tu adunque, che n’andrai ove andar’pria
     Quanti fur di te innanzi; a che t’affanni
     Sordido, cieco, ed infelice avaro?
     Gaudio d’erede, a cui il suon di cetta,
     20E di flauto, tristezza, e angoscia arreca,
     Che ti privi di cibo, i Dei d’incenso,
     Cui de’viveri il prezzo elice il pianto;
     E purchè a l’arca un qualche soldo aggiungasi,
     Con sordidi spergiuri il cielo stanchi:
     25E purchè Libitina non acquisti
     Tutta la spesa al funeral recidi.