Favole (Fedro)/Libro quinto/I - Demetrio, e Menandro

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro quinto: I - Demetrio, e Menandro

../Il Poeta ../II - I viandanti, e il Ladro IncludiIntestazione 12 novembre 2011 75% Favole

Fedro - Favole (I secolo)
Traduzione dal latino di Giovanni Grisostomo Trombelli (1797)
Libro quinto: I - Demetrio, e Menandro
Libro quinto - Il Poeta Libro quinto - II - I viandanti, e il Ladro
[p. 237 modifica]

FAVOLA I.

Demetrio, e Menandro.


USurpato d’Atene avea lo scettro
     Demetrio Falerèo. A gara, e in folla,
     Come costume ha il volgo, a lui s’accorre:
     Suonano intorno a fioca voce i plausi.
     5I primati medesmi, ancorchè angoscia
     De la mutata sorte il cuor lor punga;
     A la man, che gli aggrava, imprimon baci.
     E’ quegli ancor, cui nulla oprare è cura,
     Perchè ad essi il mancar non sia dannoso,
     10E quasi a forza addotti, al fin vi vanno.
     A questi, di Commedie illustre autore,
     Menandro, il di cui volto è ignoto al Duce,
     Che n’avea lette, ed ammirate l’opre,
     S’unìo: sciolta è la veste: ondeggia il passo;
     15Molle d’unguenti è il crine. Il vede appena:
     Chi è quel bagascion, dice, che ardisce
     Farmisi innanzi? È lo scrittor Menandro,
     Rispondono i vicin’: si cangia tosto.

Manca il rimanente.