Favole (Fedro)/Libro quinto/V - Il Giullare, e il Villano

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro quinto: V - Il Giullare, e il Villano

../IV - L'Uomo, e l'Asino ../IL POETA IncludiIntestazione 12 novembre 2011 75% Favole

Fedro - Favole (I secolo)
Traduzione dal latino di Giovanni Grisostomo Trombelli (1797)
Libro quinto: V - Il Giullare, e il Villano
Libro quinto - IV - L'Uomo, e l'Asino Libro quinto - IL POETA
[p. 240 modifica]

FAVOLA V.

Il Giullare, e il Villano.


SPesso i mortali tal furore ingombra,
     Che al preso inganno appigliansi tenaci,
     Finchè chiaro argomento il fallo scopra.
          * Cura d’illustri giuochi un ricco prende;
    5 E perchè novità li renda accetti,
     Di nuovo gioco offre mercè a l’autore:
     Di lode a la tenzon vengon gli artieri:
     Fra questi per li suoi urbani motti
     Noto Giullar, tal ne promise, ch’unqua
     10Per l’addietro teatro alcun non vide.
     La fama tutta la cittade aduna;
     Fassi il teatro a la gran folla angusto.
     Quando senza apparato, e senza attori
     Solo in scena compare. Si procaccia
     15La stessa novità silenzio: il capo

[p. 241 modifica]

     Repente in sen si pone, e fuor tramanda
     Voce di Porco tal, che tutti induce
     A pensare, che verro in seno asconda.
     Ch’apra il mantel si grida. Ei l’apre, e nulla
     Vi si scopre: d’applausi il ciel rimbomba.20
     Vide il gioco un villan, e affè (soggiugne)
     Costui non l’avrà vinta; e il dì vegnente,
     Che molto meglio egli è per farlo, accerta.
     Maggior fassi il concorso; prevenuto
     E’ il volgo a favorir del primo il giuoco;25
     Tal che al Villan per far scorno, s’asside.
     Ecco entrambi: il Giullar primo grugnisce;
     Suona a l’intorno il plauso, e un lieto viva.
     Allor fingendo di coprir col manto
     Un porcelletto, che di fatti avea,30
     A lui strigne l’orecchia il Villan furbo,
     E n’esprime dolenti, ed alte grida.
     Che il Giullar molto meglio imita il verre,
     E che l’altro si scacci, ognuno esclama.
     Apre il seno il Villano, e mostra il porco.35
     E sì additando de l’error la prova,
     Ecco, dice, quai giudici voi sete.