Favole (Fedro)/Libro secondo/Prologo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro secondo: Prologo

../ ../I - Il Giovenco, il Leone e il Cacciatore IncludiIntestazione 28 febbraio 2012 75% Favole

Fedro - Favole (I secolo)
Traduzione dal latino di Giovanni Grisostomo Trombelli (1797)
Libro secondo: Prologo
Libro secondo Libro secondo - I - Il Giovenco, il Leone e il Cacciatore
[p. 180 modifica]

DELLE


F A V O L E


DI FEDRO



LIBRO SECONDO.


PROLOGO


DE’ mortali a i desiri impongon freno
     I racconti, onde Esopo a noi fe’ dono,
     Talchè il comun fallire si corregga,
     E industre ingegno ad acuirsi apprenda:
     5Quinci qualunque sia la favoletta,
     Se dal proposto fin non s’allontani,
     E diletti l’orecchio, illustre assai
     Non per l’Autor, ma per se stessa è l’opra.
     Del saggio vecchio ad imitar lo stile,
     10Impiegherò mie cure; ma se alcuna

[p. 181 modifica]

     Cosa di mio frapporre unqua mi piaccia,
     Sicchè diletto, variando, apporti,
     Vo’ che il lettor in buona parte il prenda.
     Mia brevitade questo don vi porge,
     15Di cui prolissa esser non dee la lode.