Favole (Fedro)/Libro terzo/IX - Socrate agli Amici

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro terzo: IX - Socrate agli Amici

../VIII - Il Fratello, e la Sorella ../X - Il Poeta sopra il Credere, e non Credere IncludiIntestazione 3 marzo 2012 75% Favole

Fedro - Favole (I secolo)
Traduzione dal latino di Giovanni Grisostomo Trombelli (1797)
Libro terzo: IX - Socrate agli Amici
Libro terzo - VIII - Il Fratello, e la Sorella Libro terzo - X - Il Poeta sopra il Credere, e non Credere
[p. 199 modifica]

FAVOLA IX.

Socrate agli Amici.


RAra è la fè, comun d’amico è il nome.
          * Picciola casa fabbricossi Socrate.
     (La cui morte, se ugual fama m’arreca,
     Soffrir non m’è discaro, e se m’assolve
     Morto, livor a suo piacer mi roda.)
     Come il costume il vuol, talun del volgo
     Perchè casa sì picciola s’avesse
     Fabbricato richiede. Oh la potessi
     Riempier di veri amici! egli rispose.