Favole (Fedro)/Libro terzo/VIII - Il Fratello, e la Sorella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro terzo: VIII - Il Fratello, e la Sorella

../VII - Il Cane, e il Lupo ../IX - Socrate agli Amici IncludiIntestazione 3 marzo 2012 75% Favole

Fedro - Favole (I secolo)
Traduzione dal latino di Giovanni Grisostomo Trombelli (1797)
Libro terzo: VIII - Il Fratello, e la Sorella
Libro terzo - VII - Il Cane, e il Lupo Libro terzo - IX - Socrate agli Amici
<
[p. 198 modifica]

FAVOLA VIII.

Il Fratello, e la Sorella.


SPesso a mirarti il mio racconto insegna.
          * Un padre d’un bellissimo fanciullo,
     Una deforme, e sconcia figlia avea.
     Mentre (qual di sua età costume il porta)
     5Prendevan giuoco, a caso su lo scanno
     Veggion lo specchio de la madre, e in esso
     S’affaccian. Sue bellezze il fanciul vanta.
     Ella nol soffre, e a grave oltraggio il reca.
     Corre al padre e l’accusa che maneggi
     10(Benchè nato uomo) i femminili arredi.10
     Il buon padre li bacia, e uguale amore

[p. 199 modifica]

     Ver entrambi mostrando, al sen gli stringe.
     Anzi vo’, dice, ch’ogni dì lo specchio
     Consultiate; onde, o figlio, tua avvenenza
     15Non macchin rei costumi; e tu il tuo volto
     Vinca con virtù belle, ed atti onesti.