Favole (Fedro)/Libro terzo/XVIII - Il Pavone a Giunone

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro terzo: XVIII - Il Pavone a Giunone

../XVII - Gli Alberi in tutela degli Dei ../XIX - Esopo ad un Ciarlone IncludiIntestazione 3 marzo 2012 75% Favole

Fedro - Favole (I secolo)
Traduzione dal latino di Giovanni Grisostomo Trombelli (1797)
Libro terzo: XVIII - Il Pavone a Giunone
Libro terzo - XVII - Gli Alberi in tutela degli Dei Libro terzo - XIX - Esopo ad un Ciarlone
[p. 208 modifica]

FAVOLA XVIII.

Il Pavone a Giunone.


MAl soffrendo il Pavon che a se negato,
     Concesso fosse a l’Usignuolo il canto,
     Con Giunon si lagnò, che dove ammira
     Di quel la voce ognun; ei fuori appena
     5La manda, che dispregio, e beffe incontra.
     La Dea il consola: ed in grandezza il vinci,
     Ed in beltade. Il collo pur t’adorna
     Vivo smeraldo, e a te l’occhiuta coda
     (Sì vario n’è il color) più gemme intessono.
     10Muta avvenenza ma qual pro mi reca,
     Se nel canto ei m’avanza? A suo talento
     Divise i pregi il fato: a l’Usignuolo
     Il canto, a te beltà, la forza a l’Aquila.
     15Se a destra è il Corvo, e la Cornacchia a manca,
     Predicon l’avvenir; e ognun n’è pago.
          * Ciò che ti vien negato, nol ricerca,
     Nè sarai poscia a querelarti astretto.