Favole (Fedro)/Libro terzo/XVII - Gli Alberi in tutela degli Dei

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro terzo: XVII - Gli Alberi in tutela degli Dei

../XVI - La Cicala, e la Civetta ../XVIII - Il Pavone a Giunone IncludiIntestazione 3 marzo 2012 75% Favole

Fedro - Favole (I secolo)
Traduzione dal latino di Giovanni Grisostomo Trombelli (1797)
Libro terzo: XVII - Gli Alberi in tutela degli Dei
Libro terzo - XVI - La Cicala, e la Civetta Libro terzo - XVIII - Il Pavone a Giunone
[p. 207 modifica]

FAVOLA XVII.

Gli Alberi in tutela degli Dei.


QUando da’Numi gli Alberi in tutela
     Fur presi, l’alta Quercia a Giove, il Mirto
     A Venere, l’Alloro a Febo piacque.
     Gradì Cibele il Pino, Ercole il Pioppo.
     5Stupì Minerva, che infeconde piante
     A lor piacesser, e il perchè ne chiese.
     Sì parlò Giove: perchè alcun non creda,
     Che l’ossequio col lor frutto si compre;
     Ma Minerva, ognun dica ciò ch’ha in grado;
     10Ch’io per le frutta sue l’Ulive eleggo.
     Il gran Padre a lei volto: è giusto, o figlia,
     Di saggia il nome, onde ciascun t’onora.
     Che se ciò facciamo, util non have,
     L’onor che ne ridonda, è folle onore.
          15* Qualunque cosa di vantaggio priva
     Vuol la novella mia che non s’imprenda.