Favole (Fedro)/Libro terzo/XVI - La Cicala, e la Civetta

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro terzo: XVI - La Cicala, e la Civetta

../XV - Il Cane all'Agnello ../XVII - Gli Alberi in tutela degli Dei IncludiIntestazione 3 marzo 2012 75% Favole

Fedro - Favole (I secolo)
Traduzione dal latino di Giovanni Grisostomo Trombelli (1797)
Libro terzo: XVI - La Cicala, e la Civetta
Libro terzo - XV - Il Cane all'Agnello Libro terzo - XVII - Gli Alberi in tutela degli Dei
[p. 206 modifica]

FAVOLA XVI.

La Cicala, e la Civetta.


SOvente avvien, che lo scortese il fio,
     Che sua alterezza meritogli incontri.
          * Con dispettoso canto a una Civetta,
     Che sol di notte va di cibo in cerca,
     5E in qualche cavo tronco dorme il giorno,
     Toglieva il sonno un’incivil Cicala.
     Se pregata è a tacer, ella più stride;
     Dan nuove preci nuova lena al canto;
     Sicchè non v’esser scampo, e sue parole
     10Dispregiarsi, veggendo la Civetta,
     A la frode rivolta sì le parla.
     Giacchè il tuo dolce armonioso canto,
     Tal che di Febo udirmi sembra il plettro,
     Dormir mi vieta, il nettare vo’ bere,
     15Che testè diemmi Palla. Se t’è a grado,
     Vieni che il beveremo. La Cicala,

[p. 207 modifica]

     Ch’ardea di sete, appena udìo le lodi
     Di sue voci, che ratta a lei sen vola.
     Tosto fuor de la tana l’altra escita,
     20La trepida Cicala insiegue, e uccide,
     Che morta quello diè, che negò viva.