Favole (La Fontaine)/Libro nono/XVIII - Il Nibbio e l'Usignolo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro nono

XVIII - Il Nibbio e l'Usignolo

../XVII - La Scimmia e il Gatto ../XIX - Il Pastore e l'Armento IncludiIntestazione 16 ottobre 2009 50% raccolte di fiabe

Jean de La Fontaine - Favole (1669)
Traduzione dal francese di Emilio De Marchi (XIX secolo)
Libro nono

XVIII - Il Nibbio e l'Usignolo
Libro nono - XVII - La Scimmia e il Gatto Libro nono - XIX - Il Pastore e l'Armento

 
Dopo che un Nibbio, ladro patentato,
ebbe assai schiamazzato ed eccitato
dei ragazzi lo stuolo,
mise gli artigli in corpo a un Usignolo.

Questo araldo gentil di primavera
della sua vita a lui chiedea perdono,
dicendo: - E che ti giova, anima fiera,
mangiar un animal ch’è tutto suono?

Se attendi un poco, a te cantar saprò
la storia e il forte amore di Tereo...
- Tereo? che roba è ciò? forse un cibreo
che piace ai Nibbi? - il Nibbio dimandò.

- Tereo, - così l’Usignol cantarella, -
fu un re del qual ebbi a sentir gli ardori,
ed io ne canto una canzon sì bella,
che ovunque ha fatto palpitare i cuori.

- È cosa, - disse il Nibbio, - che consola
sentir a pancia vuota un’arietta.
- Ai re non spiacque la mia storia. - Aspetta
di contarla a’ tuoi re questa tua fola.

Io me ne rido e sto al proverbio vecchio,
che dice: pancia vuota non ha orecchio.