Favole (La Fontaine)/Libro primo/VII - La Bisaccia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro primo

VII - La Bisaccia

../VI - La Mucca, la Capra e la Pecora in società col Leone ../VIII - La Rondine e gli Uccellini IncludiIntestazione 2 ottobre 2008 75% Da definire

Jean de La Fontaine - Favole (1669)
Traduzione dal francese di Emilio De Marchi (XIX secolo)
Libro primo

VII - La Bisaccia
Libro primo - VI - La Mucca, la Capra e la Pecora in società col Leone Libro primo - VIII - La Rondine e gli Uccellini
Chauveau - Fables de La Fontaine - 01-07.png

 
Barba Giove disse un giorno:
- Vengan quanti al mondo sono
animali malcontenti
e ciascun di lor mi parli
senza fare complimenti,
ch’io vedrò dal mio gran trono
se si possa contentarli -.

Il babbione per suo conto
si dichiara arcicontento
senza tema di confronto.
Una bestia, figurarsi!
che cammina a quattro mani,
così bella e di talento,
non sarebbe un’ingiustizia
se volesse lamentarsi?

Ma una grande compassione
egli sente in cor per l’orso,
che gli sembra un così stupido
materiale bestïone,
così rozzo e disadatto,
che i pittori si rifiutano
fin di pingerne il ritratto.

L’orso subito protesta
contro questa insinuazione.
Quel che a lui sembra mal fatto,
corto in coda e grosso in testa,
una macchina pesante
senza garbo e proporzione,
è piuttosto l’elefante.

A sua volta anche costui,
ch’è un buonissimo pedante,
dice mal della balena
tutta schiena, tutta schiena.
Ogni mal è del vicino,
e per essere discreti
fa l’istesso panegirico
la formica al moscherino.

Barba Giove soddisfatto
li rimanda in santa pace.
Per venire adesso al fatto
non vi sembra che a un dipresso
anche noi facciam lo stesso?
Linci a scorgere del prossimo
i difetti, siamo poi
talpe cieche sol per noi.

Quando viene in questa valle
porta ognuno sulle spalle
una duplice bisaccia.
Dentro a quella che sta innanzi
volentieri ognun di noi
i difetti altrui vi caccia,
e nell’altra mette i suoi.