Favole (La Fontaine)/Libro quarto/VI - Battaglia di Topi e di Donnole

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro quarto

VI - Battaglia di Topi e di Donnole

../V - L'Asino e il Cagnolino ../VII - La Scimia e il Delfino IncludiIntestazione 16 ottobre 2009 50% raccolte di fiabe

Jean de La Fontaine - Favole (1669)
Traduzione dal francese di Emilio De Marchi (XIX secolo)
Libro quarto

VI - Battaglia di Topi e di Donnole
Libro quarto - V - L'Asino e il Cagnolino Libro quarto - VII - La Scimia e il Delfino
Chauveau - Fables de La Fontaine - 04-06.png

 
Se penetrar le Donnole
potesser nelle strette
casupole dei Topi,
vedreste quelle bestie in men d’un’ora
fare di lor polpette,
tanto è l’odio che sempre le divora.

Un anno che sul numero
poté contar de’ suoi
re Topolon, l’esercito
spiegò dei Topi eroi.
Di contro anche le Donnole
spiegaron le bandiere,
e le schiere respingono le schiere.

Ondeggia la vittoria,
di sangue i campi scorrono,
ma alfin, narra l’istoria,
i Topi le toccarono.
In fuga vanno, scappano,
per quanto Psicarpace
e il gran Meridarpace e il forte, invitto
Artapace sostengano il conflitto.

Alfin bisognò cedere
soldati e generali:
ma se la minutaglia
e la minor canaglia
poté trovar ricovero
nei buchi, nelle fratte,
e ringraziar le stelle,
i pezzi grossi vi lasciâr la pelle.

E la ragion fu questa
che sui nemici per incuter tema,
o per segno di grado e dignità,
avea ciascuno in testa
qualche cimiero o piuma o diadema.

Se pei crepi passò la razzapaglia,
per quanto numerosa,
per le piume non fu la stessa cosa.

Non è picciol pericolo,
amici, aver la testa coronata,
e i troppi lunghi strascichi
tolsero a fior d’eroi la ritirata.
Qualunque evento accada,
state sicuri, o piccoli,
che avrete per scappar sempre una strada.