Favole (La Fontaine)/Libro quarto/V - L'Asino e il Cagnolino

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro quarto

V - L'Asino e il Cagnolino

../IV - Il Giardiniere e il Signore ../VI - Battaglia di Topi e di Donnole IncludiIntestazione 16 ottobre 2009 50% raccolte di fiabe

Jean de La Fontaine - Favole (1669)
Traduzione dal francese di Emilio De Marchi (XIX secolo)
Libro quarto

V - L'Asino e il Cagnolino
Libro quarto - IV - Il Giardiniere e il Signore Libro quarto - VI - Battaglia di Topi e di Donnole
Chauveau - Fables de La Fontaine - 04-05.png

 
Solo ai pochi che il Ciel ha in maggior cura
è dato il dolce dono di natura
d’esser cari e simpatici.
Contro il suo genio invan altri s’ingegna
di comparir amabile.
Un spaccalegna è sempre un spaccalegna.

Un Asino già fu, conta la favola,
che, pensando di rendersi simpatico,
disse un giorno fra sé:
"Il Cagnolin, perché piccino, è il frugolo
de’ padroni, che in grembo se lo stringono,
e giusto ciò non è.

A lui bocconi prelibati e zucchero,
perché sa dar la zampa al suo padrone,
e per ogni smorfietta una carezza:
e a me, perché son bestia non avvezza
ai complimenti, sugo di bastone".

Così disse fra sé la grossa bestia,
e un dì che il suo padron sedeva a tavola,
alzò una brutta zampa, e colla musica
più soave che ciuco modulò,
al padroncin la guancia carezzò.

- Oh! oh! quale carezza! oh quale musica!
Olà, Martino, olà -.
Martino accorre e subito
ballar con altra solfa me lo fa.