Favole (La Fontaine)/Libro quarto/XIII - Il Cavallo che volle vendetta dal Cervo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro quarto

XIII - Il Cavallo che volle vendetta dal Cervo

../XII - Tributo che gli animali mandarono ad Alessandro ../XIV - La Volpe e il Busto IncludiIntestazione 16 ottobre 2009 50% raccolte di fiabe

Jean de La Fontaine - Favole (1669)
Traduzione dal francese di Emilio De Marchi (XIX secolo)
Libro quarto

XIII - Il Cavallo che volle vendetta dal Cervo
Libro quarto - XII - Tributo che gli animali mandarono ad Alessandro Libro quarto - XIV - La Volpe e il Busto
Chauveau - Fables de La Fontaine - 04-13.png

 
Non sempre i cavalli portaron la briglia,
ma quando pascevasi l’umana famiglia
di ghiande, i cavalli si videro e gli asini
andar per le selve,
com’oggi le belve.

A quei tempi erano ignoti
tanti basti e tante selle,
e predelle e ferri e maglie
da battaglie.
E non c’era l’abbondanza
delle splendide carrozze
su cui vanno oggi le belle
alla danza,
alle feste, ed alle nozze.

Il Cavallo col Cervo ebbe contesa,
e non potendo vincerlo nel corso,
all’Uomo fa ricorso,
perché l’aiuti a vendicar l’offesa.

L’Uomo gli salta in groppa, e dato un freno
da rodere al protervo,
sì lo spronò, che finalmente il Cervo
nel corso venne meno.

Rivolto all’alleato:
- Grazie, - dice il Caval non troppo saggio, -
permetti ch’io ritorni ancora al prato,
albergo mio selvaggio -.

- Scusami, amico! - a lui l’ altro rispose, -
ho fatta una scoperta,
che servir mi potresti in varie cose:
talché non ti conviene l’aria aperta.

Resta con me: la passerai non male
sprofondato in un morbido giaciglio -.
Comprese allora il povero animale
quanto pazzo era stato il suo consiglio.

Che giova il ventre pieno
senza la santa libertà? Già pronta
era la stalla e preparato il fieno,
e ancora adesso il suo peccato sconta.

Saggio chi sa dimenticar l’offesa.
È la vendetta un tristo godimento,
se tu la compri d’un piacere a spesa,
che degli altri piaceri è il condimento.