Favole (La Fontaine)/Libro terzo/XVII - La Donnola nel granaio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro terzo

XVII - La Donnola nel granaio

../XVI - La Donna annegata ../XVIII - Il Gatto e il vecchio Topo IncludiIntestazione 15 febbraio 2010 75% raccolte di fiabe

Jean de La Fontaine - Favole (1669)
Traduzione dal francese di Emilio De Marchi (XIX secolo)
Libro terzo

XVII - La Donnola nel granaio
Libro terzo - XVI - La Donna annegata Libro terzo - XVIII - Il Gatto e il vecchio Topo
Chauveau - Fables de La Fontaine - 03-17.png

 
Madamigella Donnola, fresca di malattia,
e fatta ancor di corpo più lungo e mingherlino,
in un vicin granaio un giorno penetrò
per un foro, che meglio diremo un forellino.
5E qui tanto mangiò,
con tanta indiscrezione,
di lardo e d’ogni tenero boccone,
che grassa e bella in breve diventò.

Un dì, verso la fine di quella settimana,
10udito dopo il pranzo un gran rumor di là,
volea fuggir, ma - Come? - esclama, - è cosa strana!
Non sono io forse un giorno passata per di qua?
Com’è che il buco a un tratto divenne così stretto? -
E dopo molti inutili
15giri e rigiri, ovunque ch’ella vada
crede sempre d’aver sbagliato strada.

Un topo che la vede in imbarazzo e in pena,
le disse: - Ma non sai
che allora non avevi ancor la pancia piena?
20Magra venisti, amica, e magra tornerai -.
Ciò che di te si dice, anima mia,
a molti altri conviene,
ma confonder le cose non conviene
per far gran pompa di filosofia.