Favole di Esopo/Del Leone, ed altri animali

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Del Leone, ed altri animali

../Del Cane, e l'ombra sua ../Del Villano, e del Serpente IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Del Leone, ed altri animali
Del Cane, e l'ombra sua Del Villano, e del Serpente
[p. 159 modifica]

Del Leone, ed altri animali. 110.


Il Leone aveva fatto patto con la Pecora, e cert’altri animali, che si andasse a Caccia, e ciò, che prendesse fusse comune, un Cervo, lo spartirono tutti volevano la lor parte. Corrucciandosi il Leone, disse: la prima parte è la mia perchè sono piu degno di voi; l’altra è la mia, perchè io ho più forza di voi, e per essermi affaticato più di voi; voglio ancora la terza e la quarta; se voi non me la date si partirà l’amicizia. I compagni intendendo questo, andarono via taciti senza far parola alcuna.

Sentenza della favola.

La fede sempre fu rara, e massime in questa età, e più rara appresso de’ potenti, e sempre fu così, onde è meglio vivere con i tuoi pari, perchè chi vive con uomini di lui più potenti, bisogna sempre; che ci [p. 160 modifica]lasci andar del suo, e con un par suo sempre la ragione sarà uguale.