Favole di Esopo/Del Leone invecchiato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Del Leone invecchiato

../Del Corvo, e la Volpe ../Del Cane, e dell'Asino IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Del Leone invecchiato
Del Corvo, e la Volpe Del Cane, e dell'Asino
[p. 165 modifica]

Del Leone invecchiato. 117.

Il Leone nella sua gioventù s’aveva fatti molti nemici, e ne fu castigato nella vecchiezza. Perchè le bestie fecero loro vendetta, ed il Porco lo percoteva co’ denti, ed il Toro con le corna, ed innanzi a tutti l’Asino volendo cassare l’antico nome della sua pigrizia, con parole l’offendeva, e con calci. Il Leone allora piangendo disse: Questi che mi nuocono fanno il lor debito, perchè io ancora ho nociuto ad essi, ma quelli alli quali ho giovato non m’ajutano, e mi nuocono. E sono stato pazzo, perchè mi ho fatti molti nemici, e più pazzo, perchè mi son confidato in falsi amici.

Sentenza della favola.

La favola ti ammonisce, che nella, fortuna prospera tu non ti alzare, nè esser superbo; perchè se la fortuna si muta, tutti quelli, che hai offeso, si vendicheranno; e fa che si facci differenza fra gli amici, perchè sono certi di quelli, che sono tuoi, ma della tutavola, e della tua fortuna: la quale come [p. 166 modifica]si muta, quelli ancora ti voltano le spalle.