Favole di Esopo/Del Villano, e della Cicogna

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Del Villano, e della Cicogna

../Della Volpe, e dell'Aquila ../Del Cane, e della Pecora IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Del Villano, e della Cicogna
Della Volpe, e dell'Aquila Del Cane, e della Pecora
[p. 188 modifica]

Del Villano, e della Cicogna. 151.


Un Villano avendo teso il laccio alle Grue, ed alle Oche, che mangiavano il frumento con quelle prese anco una Cicogna, la quale domandò di grazia, che la volesse perdonare, perchè ella non era Oca, nè Grua, ma Ucello innocente, e migliore di tutti gli altri, perchè serve, a sua Madre, e come è vecchia cerca nutricarla. Il Villano, questo a me poco importa, disse, dapoi, che tu sei stata presa con queste, voglio, che tu tu ancora muori.

Sentenza della favola.

Moralità. Chi pratica con cattivi, che fanno qualche male, avvenga, che sia innocente è castigato della medesima pena.