Favole di Esopo/Dell'Aquila, e la Cornacchia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dell'Aquila, e la Cornacchia

../Del Sorcio domestico, ed il salvatico ../Del Corvo, e la Volpe IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Dell'Aquila, e la Cornacchia
Del Sorcio domestico, ed il salvatico Del Corvo, e la Volpe
[p. 163 modifica]

Dell’Aquila, e La Cornacchia. 115.


L’Aquila aveva trovata una Tartaruga, nè con ingegno, o arte alcuna poteva trovar via di romperla. La Cornacchia consigliò, che volasse in alto, e la gittasse nei sassi, che la romperia, prese il consiglio la Aquila, e volò in alto, per mandarla giù: La cornacchia aspettò in terra, cascò la Tartaruga, e si ruppe, e la Cornacchia la rubò. Onde l’Aquila si dolse di esser beffeggiata.

Sentenza della favola.

La favola significa, che non dovemo dar fede ad ogn’uno.