Favole di Esopo/Dell'Aquila, e la pica

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dell'Aquila, e la pica

../Di un Vecchio, e una Fanciulla ../Del Tordo, e la Rondine IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Dell'Aquila, e la pica
Di un Vecchio, e una Fanciulla Del Tordo, e la Rondine
[p. 246 modifica]

Dell’Aquila, e la pica. 279.


La Pica dimandò grazia all’Aquila che la accettasse per sua domestica, perciochè lo meritava per la sua bellezza del corpo, e per la dolcezza della lingua. L’Aquila rispose: Io lo farei volentieri, ma temo che tu non palesi a tutti, quanto io faccio.

Sentenza della favola.

La favola significa; che dobbiamo fuggire i ciarlatori, che non possono nulla contenere, e di continuo gracchino.