Favole di Esopo/Dell'Avaro, e dell'Invidioso

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dell'Avaro, e dell'Invidioso

../Dell'Uccello, e de' suoi figliuoli ../Del Leone, e del Cacciatore IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Dell'Avaro, e dell'Invidioso
Dell'Uccello, e de' suoi figliuoli Del Leone, e del Cacciatore
[p. 203 modifica]

Dell’Avaro, e dell’Invidioso. 181.


Erano due uomini, l’uno avaro, e l’altro invidioso, e tutti due pregavano Giove, il qual mandò a tutti due Apollo per loro sodisfazione, talchè ciò che dimandasse uno di loro, l’avesse e l’altro avesse il doppio. L’invidioso dimandò, che gli cacciasse un occhio, acciochè fussero cacciali tutti due al compagno.

Sentenza della favola.

Che cosa è peggiore, che l’avarizia, e che più pazza che l’invidia? la quale, purchè ad altri nuoccia, male a se stessa desidera.