Favole di Esopo/Della Fortuna, ed un Uomo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Della Fortuna, ed un Uomo

../Del Bifolco, e de' Buoi ../Di una moglie savia, e d'un Marito pazzo IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Della Fortuna, ed un Uomo
Del Bifolco, e de' Buoi Di una moglie savia, e d'un Marito pazzo
[p. 241 modifica]

Della Fortuna, ed un Uomo. 268.


Volendo un uomo arricchirsi, intese, che la mercanzia era cosa buona per far questo, però venduti tutti i beni paterni comperò una nave, e molto mercanzie, ed andando [p. 242 modifica]in viaggio, guadagnò molto bene di modo chè divenne ricco. Quei che lo conoscevano, se ne maravigliavano, e gli domandavano, com’era diventato così ricco, ed egli rispondeva, per mia industria. Or non ponendo egli fine alla sua ricchezza, volle andare un’altra volta per Mare, ed assaltato da una gran tempesta, perdè tutte le robe, e la Nave, ed appena esso scampò. Essendo egli poi dimandato, perchè era così mal condotto, rispose: Mercè della Fortuna traditora. Il che sentendo la fortuna si sdegnò; dicendo: Quando tu avevi acquistate tante ricchezze, tu davi il vanto a te, adesso del male, tu dai la colpa a me.

Sentenza della favola.

Dimostra la favola quanto l’uomo sia inclinato a lodar se stesso, tentando di quel bene, che da Iddio gli vien dato, come da lui dipenda, gloriarsi; e del male, di che egli stesso n’è cagione la colpa in altri ritorcere.