Favole di Esopo/Delle Galline, ed il Cane

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Delle Galline, ed il Cane

../Dell'Ortolano ed il Topo IncludiIntestazione 4 luglio 2016 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Delle Galline, ed il Cane
Dell'Ortolano ed il Topo
[p. 287 modifica]

Delle Galline, ed il Cane. 377.


Aveva un uomo un Pollajo pieno di Galline, si dimenticò una notte di chiudere la porta del Pollajo. Venne la Volpe, ed ammazzò tutte le Galline: La mattina il Padrone sdegnato per il gran danno che aveva patito, diede molte busse al Cane, ch’era stato negligente in guardarle; ed il Cane disse: Padrone, tu mi batti a torto. Se tu sei stato negligente in guardare le Galline, dalle quali avevi grandi utilità, lasciando la porta aperta, che ne colpo io?

Sentenza della favola.

La favola significa, che se il Padrone è negligente in guardar le cose sue, non di è avere speranza, perchè la trascuragine è stata più tua, che mia.


I L   F I N E.