Favole di Esopo/Di un Cane, ed un Lupo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di un Cane, ed un Lupo

../Del Castore ../Del Leone, e del Toro IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di un Cane, ed un Lupo
Del Castore Del Leone, e del Toro
[p. 220 modifica]

Di un Cane, ed un Lupo. 216.


Un Cane dormiva dinanzi a una sala, e venendo il Lupo per mangiarselo, il Cane gli disse di grazia non mi ammazzare, perchè io son magro, ma aspetta, che il mio Padrone faccia le Nozze, ed io m’ingrasserò, ed allora potrai mangiarmi. Il Lupo lo lasciò. Accadde, che ciò avvenne, ed il Lupo lo trovò, e dissegli, che volea la promessa, ed il Cane fuggendo disse; O Lupo se da qui innanzi mi troverai, non aspetterai più le nozze.

Sentenza della favola.

Moralità. Il saggio, quando scampa da un pericolo si sa guardare da quello.