Favole di Esopo/Di un Lupo invecchiato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di un Lupo invecchiato

../Di un Villano (2) ../Di una Volpe, e di un Villano IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di un Lupo invecchiato
Di un Villano (2) Di una Volpe, e di un Villano
[p. 239 modifica]

Di un Lupo invecchiato. 262.


Un Lupo era invecchiato, e non poteva trovarsi più da mangiare, nè trovava chi gliene dasse, anzi da tutti era discacciato. Andando per una Selva trovò un Bue morto da lupi, al quale s’attaciò subito come morto di fame. L’odor del quale sentendo gli altri Lupi, lo vennero ad ajutarlo a mangiare, dicendogli. Noi siamo tuoi compagni. Il Lupo vecchio rispose: Adesso, che io ho da mangiare, tutti siete miei compagni, e prima mi scacciavate, nè mi conoscevate per parente, nè per amico.

Sentenza della favola.

La favola dinota, che le ricchezze son quelle, che acquistano gli amici, anzi nimici, vestiti con panni dell’amicizia, i quali tanto durano, quanto utile sentono da te pervenirli.