Favole di Esopo/Di una Volpe, e di un Villano

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di una Volpe, e di un Villano

../Di un Lupo invecchiato ../Di due porci IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di una Volpe, e di un Villano
Di un Lupo invecchiato Di due porci
[p. 239 modifica]

Di una Volpe, e di un Villano. 263.


Una Volpe aveva ammazzate molte galline ad un Villano, il quale la prese a un laccio, ed ella lo pregò, che non l’ammazzasse, promettendogli di non fargli più male alcuno. Il Villano disse: se tu fossi [p. 240 modifica]un animale fedele; io ti perdonerei, ma perchè tu sei tanto fallace, non voglio fidarmi di te, ma voglio che tu muoja.

Sentenza della favola.

Moralità. A un uomo fallace, mai non dovemo dar fede, nè perdonargli, quando lo potemo punire.