Favole di Esopo/Di un Merlo, ed il Tordo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di un Merlo, ed il Tordo

../Del Porco, e le Pecore ../Di un Liberale, ed alcuni Ladroni IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di un Merlo, ed il Tordo
Del Porco, e le Pecore Di un Liberale, ed alcuni Ladroni
[p. 279 modifica]

Di un Merlo, ed il Tordo. 358.


Vedendo il Merlo un Nibbio, che volava stridendo, e volteggiando come è suo costume, disse al Tordo: Vedi il Nibbio, come va fortemente minacciando, io temo assai il suo furore; rispose il Tordo: Non temer questo strepito, perchè queste minacce si spargeranno in qualche Sorcio, overo in un Pullicino; avemo da temer più lo Sparviero, le cui unghie prima sentiamo, che la voce.

Sentenza della favola.

La favola significa, che dobbiamo temere più i quieti, e taciti, che i parabolani, che bravano di parole.