Favole di Esopo/Di un Villano, ed un Sorcio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di un Villano, ed un Sorcio

../Del Tordo, e la Rondine ../Di un Servo IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di un Villano, ed un Sorcio
Del Tordo, e la Rondine Di un Servo
[p. 246 modifica]

Di un Villano, ed un Sorcio. 281.


Ad un Villano la casa tutta si abbruciava, e stando a vedere l’incendio grande, un Sorcio fuggiva di Casa. Quello prese subito un bastone, e riggittollo dentro, dicendo: Poichè sei stato in casa a tempo della felicità, scacci ancora adesso nel tempo dell’infelicità. [p. 247 modifica]

Sentenza della favola.

La favola significa, che nelle prosperità molti abbiamo, che fanno l’amico, i quali se vedono, che la fortuna rivolge da noi i piedi, coloro non restano anco di fargli compagnia. Ma alcuna volta avviene, che a loro mal grado restano ancor essi in quella avversità inviluppati.