Figlio mio dilettoso, in faccia laude (Einaudi)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Guittone d'Arezzo

XIII secolo Sonetti duecento Figlio mio dilettoso, in faccia laude Intestazione 17 maggio 2008 75% Duecento

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
  Figlio mio dilettoso, in faccia laude
non con discrezion, sembrame, m’archi;
lauda sua volonter non saggio l’aude,
se tutto laudator giusto ben marchi.

  Perché laudar te non cor me l’aude,5
tutto che laude merti a laude marchi;
laudando sparte bon del valor laude,
legge orrando di saggi e non di marchi.

  Ma se, che degno sia, figlio m’acorgo,
no amo certo guaire a te dicími,10
ché volonteri a la tua lauda accorgo

  la grazia tua che, padre, dícimi,
ché figlio tale assia pago corgo,
pur che vera sapienza a poder cimi.