Filocolo/Libro primo/34

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro primo - Capitolo 34

../33 ../35 IncludiIntestazione 17 settembre 2008 75% letteratura

Libro primo - 33 Libro primo - 35

La reina, gravida di prosperevole peso, affannata per lo lungo cammino, volontieri si riposava, e con lei Giulia molto più affaticata, ma quasi continuamente o il bel viso bagnato d’amare lagrime o la bocca piena di sospiri teneva; alla quale un giorno la reina, vedendola dirottamente piangere, disse così: - Giulia, sanza dubbio io so che tu, sì come io, in te nascondi disiato frutto, e’ manifesti segnali mostrano te dovere essere vicina al partorire, onde col tuo piangere gravemente te e lui offendi. Tu hai già quasi il bel viso tutto consumato e guasto, e le tue lagrime l’hanno occupato d’oscura caligine e di palidezza; onde io ti priego che tu non facci più questo: anzi ti conforta, e spera che noi insieme avremo gioioso parto. Non sai tu che per lo tuo lagrimare il ricevuto danno non menoma? Poi che i fati ti sono stati avversi, appara a sostenere con forte animo le contrarie cose e’ dolenti casi della fortuna. Deh! or tu m’hai già detto, se io ho bene le tue parole a mente, che tu se’ nata di nobilissima prole romana; or se questo è il vero, come io credo, e’ ti dovrebbe tornare nella mente del forte animo che Orazio Pulvillo, appoggiato alla porta del tempio di Giove Massimo, udendo la morte del figliuolo, ebbe; e come Quinto Marzio, tornato da’ fuochi dell’unico figliuolo, diede quel giorno sanza lagrimare le leggi al popolo. Questi e molti altri vostri antichi avoli con fermo animo nelle avversità mostrarono la loro virtù, per la quale il mondo lungamente si contentò d’essere corretto da cotali reggitori. Adunque, poi che di tal gente hai tratta origine, si disdicono a te, più che ad un’altra, le lagrime. Non credi tu che essi nelle loro avversità sostenessero doglia, come tu fai? Certo sì fecero; ma volsero anzi seguire la magnanimità de’ loro nobili animi, i quali conosceano la natura delle caduche e transitorie cose, che la pusillanimità della misera carne, acciò che le loro operazioni fossero essemplo a’ loro successori in ciascuno atto -. Queste e molte altre parole usava spesso la reina in conforto di Giulia.