Filocolo/Libro quarto/110

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro quarto - Capitolo 110

../109 ../111 IncludiIntestazione 17 settembre 2008 75% letteratura

Libro quarto - Capitolo 110
Libro quarto - 109 Libro quarto - 111

Dimorato Filocolo per alquanto spazio nella bella camera solo con Glorizia, le bellezze di quella con ammirazione riguardando, e vedendo che bene era vero ciò che Dario detto ne gli avea, e più, domandò Glorizia che di Biancifiore fosse. A cui Glorizia quello che n’era, e che ne fu poi che venduta era stata, interamente gli disse, tanto che di pietà a lagrimare il mosse. E poi così le disse: - O Glorizia, cara sorella, di grazia ti priego che tosto vedere la mi facci, però che io ardo del disio, e appena credo tanto vivere ch’io la vegga -. A cui Glorizia disse: - Caro signore, ciò che tu mi di’ io credo, e di lei il simigliante ti posso dire: ella non crede mai te poter vedere. Ma però che la fortuna, infino a qui stata in ogni cosa a voi contraria, non possa per poco avedimento più nuocervi, se ti piace, alquanto m’ascolterai, e s’io dico bene, segui il mio consiglio.