Filocolo/Libro quinto/84

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro quinto - Capitolo 84

../83 ../85 IncludiIntestazione 17 settembre 2008 75% letteratura

Libro quinto - 83 Libro quinto - 85

Quanta l’allegrezza di Florio fosse, dire non si poria. Egli si vede la disiderata Biancifiore sposa, e di nobile stirpe, a lui ignota nel principio dello innamoramento, discesa, e di lei un bellissimo figliuolo. Egli si vede, dopo molti pericoli, da tutti campato, nel suo regno salvo tornato. Egli si vede il vecchio padre e la cara madre, i quali egli appena credea ritrovare vivi. Egli si vede il molto popolo, e da tutti essere amato: e quello che sopra tutte queste cose gli è grazioso è che della setta de’ fedeli a Dio è divenuto, e con lui tutti i suoi seguaci. Nella quale letizia di tutte queste cose dimorando, chiamò a sé i cari compagni con lui stati nel lungo pellegrinaggio, de’ quali alcuno ancora alla sua casa non era tornato, e disse loro: - Signori e cari amici, finito è il lungo cammino, il quale noi più anni è cominciammo: e, lodato sia Iddio!, non invano avemo camminato. Ma ben che io la disiderata cosa abbia acquistata, la vostra fatica, e la paura e l’affanno de’ corsi pericoli, non è stata meno, ne’ quali mai da voi non mi vidi diviso, ma solleciti sempre per levare me de’ mali voi volonterosi conobbi a sottentrarvi; le quali cose in me più volte pensate, con ragione mi vi conosco obligato. E però io qui giovane, e ancora sotto paterna potestate obligato, più lontano ch’io possa profferire non vi posso, ma a quello che per me si puote, tutto sono vostro, disposto a niuno pericolo né affanno rifiutare per voi già mai. E dopo questo, se mai avviene che la mia fronte sostenga corona, io sia chiamato re e voi governate e possedete il reame, del quale se il nome come l’utilità si può comunicare in molti, molto più sono contento che di quello ancora così com’io godiate: e dove tutto questo a satisfazione di tanto servigio non bastasse, che so che non basta, Iddio per me vi meriti il rimanente. Siavi adunque licito omai a vostro piacere rivedere le vostre case, e fare lieti i padri e le madri e gli stretti amici e parenti, i quali voi, già è tanto tempo, sanza pigliar congedo per accompagnarmi abandonaste. Né sia però dalla mia anima la vostra lontana, perché lontanandovi partiamo i corpi, ma così congiunte, come per adietro state sono, le tenete sempre, tornando a rivedermi quando riveduti i vostri avrete: e riposatevi tanto che sieno contenti -.