Filocolo/Libro secondo/2

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro secondo - Capitolo 2

../1 ../3 IncludiIntestazione 17 settembre 2008 75% letteratura

Libro secondo - 1 Libro secondo - 3

Mossesi Amore a’ prieghi della santa madre, poi che spogliate s’ebbe le lievi penne; e pervenuto al dimandato luogo, vestitosi la falsa forma, entrò sotto i reali tetti, passando con lento passo nella segreta camera, ove egli Florio e Biancifiore trovò soletti puerilmente giuocare insieme. Essi si levarono verso lui come fare soleano, e egli primieramente preso Florio, il si recò nel santo seno, e porgendoli amorosi baci, segretamente gli accese nel cuore un nuovo disio: il quale Florio poi, guardando ne’ lucenti occhi di Biancifiore con diletto, il vi fermò. Ma poi Cupido, presa Biancifiore, e spirandole nel viso con piccolo fiato, l’accese non meno che Florio avesse davanti acceso. E dimorato alquanto con loro, rivolti i passi indietro li lasciò stare, e rivestendosi le lasciate penne, tornò al lasciato lavoro. E i giovani, rimasi pieni di nuovo disio, riguardandosi, si cominciarono a maravigliare stando muti. E da quell’ora in avanti la maggior parte del loro studio era solamente in riguardar l’un l’altro con temorosi atti; né mai l’un dall’altro, per alcuno accidente che avvenisse, partir si volea, tanto il segreto veleno adoperò in loro subitamente.