Filocolo/Libro secondo/46

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro secondo - Capitolo 46

../45 ../47 IncludiIntestazione 17 settembre 2008 75% letteratura

Libro secondo - Capitolo 46
Libro secondo - 45 Libro secondo - 47

Armossi Ascalion; e mentre che egli s’armava, e Florio andava per l’ostiere ora correndo, ora saltava d’una parte in altra, e tal volta con la celestiale spada faceva diversi assalti. Alcuna volta prendeva la lancia per vedere com’egli la potesse alzare e bassare al bisogno, lanciandola talora; e queste cose così destramente faceva, come se alcuna arme impedito non l’avesse, avvegna che Amore la maggior parte gli dava della sua forza. Di che Ascalion, lodando la sua leggerezza, si maravigliò molto e essendo già egli medesimo armato, tutto solo se n’andò alla stalla, e messe le selle e’ freni a due forti cavalli, li menò nella sua corte; e quivi vestito Florio e sé di due sopraveste verdi, e prese due grosse lance con due pennoncelli ad oro lavorati e seminati di vermiglie rose, ciascuno la sua, montarono i cavalli e sanza più dimorare presero il cammino verso la Braa.