Fiore/CCXI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CCXI

../CCX ../CCXII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CCX CCXII

 
[...............................]

 Molt’ era buon guer[r]ier quel Ben-Celare:
Alzò la spada, e sì fiede Vergogna
Sì gran colpo ched ella tutta ingrogna,
E poco ne fallì d’a terra andare.4

 E poi la cominciò a predicare,
E disse: "Tu non devi aver vergogna
Di me, chéd e’ nonn-à di qui a Bologna
Nessun c[h]’un fatto saccia me’ celare8

 Che saprò io, e perciò porto il nome".
Vergogna sì non sep[p]e allor che dire.
Paura la sgridò: "Cugina, come?11

 À’ tu perduto tutto tuo ardire?
Or veg[g]h’ i’ ben che vita troppo †dura†,
Quando tu ài paura di morire".14