Fiore/CCXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CCXVII

../CCXVI ../CCXVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CCXVI CCXVIII

 
[...............................]

 Venusso sì montò sus’ un ronzino
Corsiere, ch’era buon da cacciagione,
E con sua gente n’andò a Cicerone:
Sì comanda che sia prest’ al matino4

 Il carro süo, ch’era d’oro fino.
Imantenente fu messo i·limone
E presto tutto, sì ben per ragione
Che, quando vuol, puote entrar in camino.8

 Ma non volle caval per limoniere
Né per tirare il car[r]o, anzi fe’ trare
Cinque colombi d’un su’ colombiere:11

 A corde di fil d’or gli fe’ legare.
Non bisognava avervi carettiere,
Ché·lla dea gli sapëa ben guidare.14