Fiore/CLIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLIII

../CLII ../CLIV IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLII CLIV

 
La Vec[c]hia

 "In gran povertà tutti gli met[t]esse,
Sì come t’ò di sopra sermonato,
E sì sareb[b]e il primo dispogliato
Coluï che più cara mi tenesse.4

 Di nessun mai pietà no·mi’n prendesse,
Ché ciaschedun vorrè’ aver disertato:
Ché sie certana ch’e’ nonn-è peccato
Punir la lor malatia, chi potesse.8

 Ma e’ non dottan guari mia minac[c]ia
Né non fan forza di cosa ch’i’ dica,
Perciò ch’ò troppo crespa la mia fac[c]ia.11

 Figliuola mia, se Dio ti benedica,
I’ non so chi vendetta me ne faccia
Se non tu, ch’i’ per me son troppo antica.14