Fiore/CLXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXVIII

../CLXVII ../CLXIX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLXVII CLXIX

 
La Vec[c]hia

 "E s’ella ne prendesse gran funata,
Di que’ che ciaschedun la vuol brocciare,
Sì si dé ben la femina avisare
D’assegnar a ciascun la sua giornata:4

 Chéd ella rimar[r]ia troppo ’ngannata
Se·ll’un l’altro vi potesse trovare,
C[h]’almen le conver[r]eb[b]e pur fallare
Alla gioia che ciascun l’avria recata.8

 Ché non si vuol lasciar già lor nïente
Di ch’e’ potesser far grande ’ngrassata,
Ch’egli è perduto tutto il rimanente.11

 Perciò convien che ciascuna avisata
Sia, sì che pover rimanga il dolente,
Ed ella sïa ricca e ben calzata.14