Fiore/CLXIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXIX

../CLXVIII ../CLXX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLXVIII CLXX

 
La Vec[c]hia

 "In poveruon no·metter già tu’ amore,
Ché nonn-è cosa che poveruon vaglia:
Di lu’ non puo’ tu aver se non battaglia
E pena e povertate e gran dolore.4

 Lasciar ti farian robe di colore
E sovente dormire in su la paglia:
Non t’intrametter di cotal merda[g]lia,
Ché troppo i’ ’l ti por[r]ia a gran fallore.8

 Né non amar già oste trapassante:
Però che mutan tante ostellerie
C[h]’aver non posson cuor fermo né stante;11

 Lor fatti non son che baratterie.
Ma se·tti donan, non sie rifusante;
E fa co·llui infinte druderie.14