Fiore/CLXX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLXX

../CLXIX ../CLXXI IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLXIX CLXXI

 
La Vec[c]hia

 "Né non amar già uon che ’n sua bel[l]ez[z]a
Si fidi, né ch’egli a lisciarsi ’ntenda:
In quel cotal non vo’ che·ttu t’intenda,
Ma ’l più che puo’, da·llu’ fa ïstranez[z]a.4

 L’uon che si piace, fa gran scipidez[z]a
E grand’ orgoglio, e l’ira di Dio atenda;
E Tolemeo sì ’l dice in sua leg[g]enda,
C[h]’aver non p[u]ote amore né franchez[z]a;8

 Né non puote aver cuor di ben amare:
Ché tutto ciò ch’egli avrà detto a l’una,
Sì tosto il va a l’altra ricontare;11

 E così pensa a far di ciascheduna,
Né non intende c[h]’a·llor barattare:
Udita n’ò la pianta di più d’una.14