Fiore/CVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CVI

../CV ../CVII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CV CVII

 
Amore e Falsembiante

 "Tu sì va’ predicando povertate
E lodila". "Ver è, ad uopo altrui,
Ch’i’ non son già su’ amico, né ma’ fui,
Anzi le porto crudel nimistate:4

 Ch’i’ amerei assà’ meglio l’amistate
Del re di Francia che quella a colui
Che va caendo per l’uscial altrui
E muor sovente di necessitate.8

 E ben avess’ egli anima di santo,
Il pover, no·mi piace sua contez[z]a,
E più ch’i’ posso il metto da l’un canto;11

 E sed amor gli mostro, sì è fintez[z]a.
Ma convien ch’i’ mi cuopra di quel manto:
Per mostrar ch’i’ sia buon, lor fo carez[z]a.14