Fiore/CVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CVII

../CVI ../CVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CVI CVIII

 
Falsembiante

 "E quand’io veg[g]o ignudi que’ truanti
Su’ monti del litame star tremando,
Che fredo e fame gli va sì acorando
Ch’e’ non posson pregar né Die né ’ santi,4

 E ’l più ch’i’ posso lor fug[g]o davanti,
Sanza girne nessun riconfortando,
Anzi lor dico: ’Al diavol v’acomando
Con tutti que’ che non àn de’ bisanti’.8

 Ché·lla lor compressione è freda e secca,
Sì ch’i’ non so ch’i’ di lor trar potesse:
Or che darà colui che ’l coltel lecca?11

 Di gran follia credo m’intramettesse
Voler insegnar vender frutta a trec[c]a,
O ch’i’ a·letto del cane unto chiedesse.14