Fiore/CVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CVIII

../CVII ../CIX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CVII CIX

 
Falsembiante

 "Ma quand’ i’ truovo un ben ricco usuraio
Infermo, vo’l sovente a vicitare,
Chéd i’ ne credo danari aportare
Non con giomelle, anzi a colmo staio.4

 E quando posso, e’ non riman danaio
A·ssua famiglia onde possa ingrassare;
Quand’ egli è morto, il convio a sotter[r]are,
Po’ torno e sto più ad agio che gen[n]aio.8

 E sed i’ sono da nessun biasmato
Perch’io il pover lascio e ’l ric[c]o stringo,
Intender fo che ’l ricco à più peccato,11

 E perciò sì ’l conforto e sì ’l consiglio,
Insin ch’e’ d’ogne ben s’è spodestato,
E dato â me, che ’n paradiso il pingo.14