Fiore/CXLII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXLII

../CXLI ../CXLIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CXLI CXLIII

 
La Vec[c]hia

 "Il bel valetto di cu’ biasmo avesti
Giadisse, sì [è] colui che·lle ti manda,
E ’l rimanente c[h]’à è a tua comanda:
Unquanche uon più cortese non vedesti.4

 E priegati, se mai ben gli volesti,
Che per l’amor di lui questa ghirlanda
Deg[g]ie portare, e sì sé racomanda
Del tutto a te: gran peccato faresti8

 Se ’l su’ presente tu gli rifusassi;
Ch’i’ son certana ch’e’ si disper[r]ebbe
Se·ttu così del tutto lo sfidassi;11

 Ché, quanto ch’e’ potesse, e’ sì fareb[b]e
Per te, e sofferria che·llo ’ngaggiassi,
E, se ’l vendessi, sì gli piacereb[b]e".14